icona Feudo Croce Imperio LXXIV Primitivo di Manduria 2019 97
San Giorgio - Puglia
C: 33 - E: 31 - I: 33
QQ: 7.4
iconaVedi report completo valutazioni produttore
          "Annuario in corso"
iconaAcquista Diploma
icona Tipo
Rosso
icona Tipologia
Primitivo
icona Data degustazione
17-02-2021
icona Uve
Primitivo
icona Sensazioni
non solo la sua massa è suprema, ma massima in data di assaggio è anche la purezza speziata del suo aroma. Una densa, essenziale crema di frutto di bosco nero in confettura della nativa integrità ossidativa, da spezie del rovere dolcemente glassato con purezza e misura sopraffina. Al palato, maestoso il suo tannino si svela, il palato imponente si struttura, con la suadenza dell'aroma che rifulge armoniosissima e che persiste con eco di meravigliosa dolcezza espressiva.
icona Volume bottiglia
0,75 lt
icona Produzione annuale bottiglie
5.000
icona Azienda
San Giorgio S.r.l
icona Regione
Puglia
icona Indirizzo
Via Pitagora, 1 - 74020 Faggiano (TA)

Report vini degustati

97

Diodoro Primitivo di Manduria 2021

San Giorgio
14-10-2022
97

Feudo Croce Imperio LXXIV Primitivo di Manduria 2021

San Giorgio
14-10-2022
93

Malvasia Bianca Alea 2021

San Giorgio
21-02-2022
95

Montease Chardonnay 2021

San Giorgio
21-02-2022
94

Sentieri Infiniti Bianco Igp Puglia 2021

San Giorgio
21-02-2022
94

Amarosé Negroamaro Rosato Igp 2021

San Giorgio
21-02-2022
94

Sentieri Infiniti Negroamaro Rosato Igp Puglia 2021

San Giorgio
21-02-2022
94

Sentieri Infiniti Primitivo 2021

San Giorgio
21-02-2022
94

Sentieri Infiniti Negroamaro Igt Puglia 2021

San Giorgio
21-02-2022
94

Primitivo Igp Salento 2021

San Giorgio
21-02-2022
94

Megale Negroamaro Salento Igp 2021

San Giorgio
21-02-2022
94

Malnera Merlot Malvasia Nera Igt Salento 2021

San Giorgio
21-02-2022
92

Feudo Croce Primitivo Salento Igp 2020

San Giorgio
12-04-2021
93

Feudo Croce Amarosè 2020

San Giorgio
12-04-2021
95

Strabone Primitivo Salento 2020

San Giorgio
12-04-2021
92

Mamajànna Chardonnay San Giorgio Bio 2020

San Giorgio
25-03-2021
93

Prìne Primitivo San Giorgio Bio 2019

San Giorgio
25-03-2021
92

Pipièle Negroamaro San Giorgio Bio 2018

San Giorgio
25-03-2021
94

Feudo Croce Megale Negroamaro Salento Igp 2019

San Giorgio
10-03-2021
94

Feudo Croce Malnera Merlot Malvasia Nera 2019

San Giorgio
10-03-2021
94

Feudo Croce Byzantium Primitivo di Manduria 2019

San Giorgio
10-03-2021
94

Tiranno Malvasia Nera 2019

San Giorgio
10-03-2021
95

Perche No?! Zinfandel Salento 2020

San Giorgio
10-03-2021
96

Torreserro Appassimento 2016

San Giorgio
18-02-2020
88

Malvasia Nera Pausania 2015

San Giorgio
01-09-2017
90

Negroamaro Lattanzio 2015

San Giorgio
01-09-2017
88

Silenzi Infiniti 2016

San Giorgio
01-09-2017
88

Silenzi Infiniti Rosè 2016

San Giorgio
01-09-2017
87

Silenzi Infiniti Rosso 2016

San Giorgio
01-09-2017
91

Why Not?! 2014

San Giorgio
30-06-2016
icona Telefono
0995924445
icona Fax
0995910368
icona eMail
info@cantinesangiorgio.it
icona Web
www.tinazzi.it
icona

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2023

Performance di gran rango qualitativo quella del bicchiere San Giorgio. I bianchi impressionano per pulizia olfattiva, il loro frutto svelando altissima integrità ossidativa residua. Splendida la dolcezza polposa di uva e banana del Montease Chardonnay 2021, la florealità della Malvasia Bianca Alea 2021, la suadenza fragrante e pura del Sentieri Infiniti Bianco Igp Puglia 2021. Turgore e nitore che son virtù condivise dai rossi, con il Sentieri Infiniti Primitivo 2021 di morbidezza pastosa, il Megale Negroamaro Salento Igp 2021, di potenza carnosa. Fra i più distintivi rossi italiani i due vini migliori, il Diodoro Primitivo di Manduria 2021, con la sua souplesse morbido-tannica palatale perfetta, il Feudo Croce Imperio LXXIV Feudo Croce Primitivo di Manduria 2021, da preferirsi soltanto per un'ancor più inviolata, speziata suadenza espressiva. Chapeau.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2022

Bicchiere di non comune caratura qualitativa quello di San Giorgio. Non tanto e non solo per la ricchezza estrattiva di vini come lo Strabone Primitivo Salento 2020 e il Diodoro Primitivo di Manduria 2019, campioni dalla somma concentrazione, e per ciò dalla persistenza speziata d'aroma stupenda. Vini di eccezionale morbidezza palatale, come il Perche No?! Zinfandel Salento 2020 con la sua satinatissima ciliegia nera, oppure come lo Strabone Primitivo Salento 2020, vino in cui la polpa di prugna si avverte di massima succosità e di maturità sovrana. Vini della limpidezza enologica trasformativa rara del Mamajànna Chardonnay San Giorgio Bio 2020. Su tutti il monumentale frutto speziato del Feudo Croce Imperio LXXIV Feudo Croce Primitivo di Manduria 2019. Fra i migliori rossi d'Italia per la purezza olfattiva, per l'integrità ossidativa residua intonsa che sì cristallina svela la sua mentosa mora. Chapeau.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2021

Di eccellente piacevolezza i tre vini presentati da Cantine San Giorgio. Effetto sensoriale della loro qualità analitica superiore. Un Sentieri Infiniti Primitivo 2019 polpante, turgido, di violastro turgore. Uno Strabone Primitivo Salento 2019 d'impressionante integrità ossidativa e olfattiva frutto di magistrale enologia di trasformazione. Fra i migliori rossi italiani infine il Torreserro Appassimento 2016: fantastica la sua cremosità di contatto data la sua somma trama di fittezza esasustiva, con la suadenza della polpa della mora che avvolge flessuosamente la sua acida e tannica, grande struttura. Un vino limpido all'olfatto, e di linfatica, non fumosa speziatura. Chapeau.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2020

È un gran vino il Primitivo di Manduria Imperio LXXIV Feudo Croce 2018, certo fra i migliori italiani in assoluto e della tipologia. Estratto di massima fittezza, acidità e tannino bilanciatamente avvolti in polposa morbidezza; inossidato turgore e limpida dolcezza olfattiva. Doti viticole ed enologiche di evidente maestria così come nel Primitivo di Manduria Diodoro 2018 e nel Primitivo Igp Sentieri Infiniti 2018, questo di gran turgore e di somma morbidezza palatale. Complimenti.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2019

Due vini di eccezionale piacevolezza presentano le Cantine San Giorgio. Il Torreserro Appassimento 2015 è campione di consistenza eccellente, di equilibrio e integrità gusto-aromatica parimenti sovradimensionate. Il Primitivo di Manduria Diodoro 2017 è fra i rossi migliori dell'anno. Di consistenza massima, tal potenza e concentrazione giunge al nostro sistema sensibile con armoniosità, nitore e fragranza netta inossidata. Una confettura di polpa di more da rovere dolcissimo calibratamente speziata. Chapeau.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2018

La limpidezza mirabile dei profumi qualifica il Silenzi Infiniti 2016 come bianco di gran nitore; denso e avvolgente il Silenzi Infiniti Rosè 2016, con il Negroamaro Lattanzio 2015 che rivela un binomio fittezza-morbidezza da gran vino. Gran vino è ancor più il Perche No?! 2016 presentato dalle Cantine San Giorgio. Anzitutto per la cremosa fittezza della sua trama compositiva, quindi per la morbidezza armoniosa con cui la suadenza del gusto equilibra il suo poderoso tannino. Infine per il nitore della trasformazione enologica esecutiva: brilla ancor del nativo inossidato viola la sua livrea di tinta e d'aroma. Un bicchiere che cresce deciso in valore, complimenti.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2017

Complimenti alle Cantine San Giorgio per la serie di vini d'assoluta eccellenza che propone. Davvero una questione di gusti scegliere la visciola in pura confettura del Tiranno Malvasia Nera 2014, o la marasca polposa e avvolgente che denso evoca il Primitivo di Manduria Diodoro 2015. Si sale di caratura e dolcezza con il Primitivo del Salento Strabone 2014, pastoso, potente, all'olfatto di limpidezza d'aroma davvero splendente. Il migliore è il Why Not?! 2014, a parità di maestoso estrattivo volume, il dispiego del suo balsamico e nitido aroma è ai sensi ancor più bilanciato, ampio, persistentemente balsamico e definitivamente armonioso. Qual viticoltura e qual enologia a vini sì sensorialmente virtuosi è analiticamente sottesa.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2016

Che gran massa di splendido e morbido frutto nei quattro vini presentati da Cantine San Giorgio. La Malvasia Nera Pausania 2013 con gran potenza speziata richiama la marasca in confettura; il Negroamaro Lattanzio 2013 il cassis, succoso e limpidamente speziato. Il Primitivo di Manduria Diodoro 2013 con la sua eccezionale pastosità e suadenza, evoca una composta di marasca che gronda umore anche di viola. E infine il Primitivo del Salento Strabone 2013, che con la sua mora nera speziata da limpidissimo rovere è maestoso frutto di grande viticoltura e di grande enologia. Chapeau.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2015

Che gran vino è il Primitivo di Manduria Diodoro 2011 presentato dalle Cantine San Giorgio. Spettacolare la sua concentrazione e polpa; didattica la morbidezza con cui la suadenza gustativa avvolge acidità e tramoso tannino, impeccabile la nitidezza enologica d'esecuzione. Ad essere evocata così è una vivida, pulsante, linfatica confettura di mora. Della stessa ricchezza d'aroma di quando prima in natura, qui soltanto avvolta nella più pura e balsamica speziatura. Chapeau.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2014

Denotano qualità analitiche e sensoriali di eccellenza assoluta i tre vini presentati dalle Cantine San Giorgio. La potenza di spezie balsamica del Primitivo del Salento Strabone 2011 trova persistenza nella fittezza, suadenza nella sua armonia compositiva. Seguono due grandi vini. Il Negroamaro Lattanzio 2011, di enologia purissima, di efficacissima viticoltura presenta linfa e suadenza di mora pura nera. Il Primitivo di Manduria Diodoro 2010, di consistenza maestosa svela il suo aroma di prugna e cassis avvolto in limpide suadenze del rovere, lo svela ben ancora turgido e per nitore assai definito. Chapeau.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2013

Spettacolari non solo in concentrazione i quattro vini proposti da Cantine San Giorgio. Il Negroamaro Lattanzio 2010, il più tannicamente strutturato, il Primitivo del Salento Strabone 2010 di detonante prugnosità cremosa. Si sale di integrità enologica esecutiva con la Malvasia Nera Pausania 2010, fra le più limpide in varietale, e quindi in piacevolezza complessiva di beva. Si chiude con il Primitivo dei Manduria Diodoro 2008: vera crema di mora di suadenza e maestosità estrattiova davvero speziosamente splendente.

icona Titolare
Gian Andrea Tinazzi
icona Enologo
Vito Lucarelli
icona Anno avviamento aziendale
2011
icona Ettari totali di proprietá
60
icona Percentuale uve acquistate
100% delle uve
icona Vendita diretta
icona Visite all'azienda
icona Agriturismo

SINGOLE PORTATE

  • pasta/riso con salse di carne

OCCASIONI SPECIALI

  • occasioni importanti

PIATTI REGIONALI

  • Puglia

GENERICI

  • carne

97

Feudo Croce Imperio LXXIV Primitivo di Manduria 2021

San Giorgio
14-10-2022
97

Feudo Croce Imperio LXXIV Primitivo di Manduria 2019

San Giorgio
17-02-2021
97

Feudo Croce Imperio LXXIV Primitivo di Manduria 2018

San Giorgio
23-07-2019
97

Feudo Croce Imperio LXXIV Primitivo di Manduria 2017

San Giorgio
26-07-2018
96

Feudo Croce Imperio LXXIV Primitivo di Manduria 2016

San Giorgio
01-09-2017
96

Feudo Croce Imperio LXXIV Primitivo di Manduria 2015

San Giorgio
07-03-2017
90

Feudo Croce Imperio LXXIV Primitivo di Manduria 2014

San Giorgio
30-06-2016
91

Feudo Croce Imperio LXXIV Primitivo di Manduria 2013

San Giorgio
23-06-2015
91

Feudo Croce Imperio LXXIV Primitivo di Manduria 2011

San Giorgio
27-05-2014
91

Feudo Croce Imperio LXXIV Primitivo di Manduria 2010

San Giorgio
27-06-2013