icona Papale Primitivo di Manduria Linea Oro 2016 96
Varvaglione 1921 - Puglia
C: 33 - E: 32 - I: 31
VP: 7.77 - QQ: 11.07 - ACQ: 9.42
iconaVedi report completo valutazioni produttore
          "Annuario 2021"
iconaAcquista Diploma
icona Tipo
Rosso
icona Tipologia
Primitivo
icona Data degustazione
22-05-2018
icona Uve
Primitivo
icona Sensazioni
i tratti della sua consistenza massimamente sontuosa anzitutto nella fitta profondità della sua tinta, nell'opaca forza del suo intenso colore. Quindi nello spessore e nel bagaglio del profumo: piani successivi di polposità di bacche di bosco sovrapposti e fusi a filoni di spezie mentose, ad aree di linimenti medicamentosi, ancora a profonde suadenze di mora. Se l'olfatto è balsamo, il tatto è vera crema. Confettura di cassis, dal tannino resa tramosa e come polposa. E se il dosaggio delle spezie e la nitidezza enologica di trasformazione rendono al complesso il bilanciato fulgore del tutto, l'ultimo segno della sua densa fittezza è il non voler svanir dei suoi più suadenti e mentosi echi di frutto. Fra i migliori rossi italiani dell'anno.
icona Volume bottiglia
0,75 lt
icona Prezzo Operatore franco cantina iva esclusa
da 15 a 20 €
icona Produzione annuale bottiglie
300.000
icona Azienda
Varvaglione Vigne & Vini Srl
icona Regione
Puglia
icona Indirizzo
Contrada Santa Lucia s.n.c. - 74020 Leporano (TA)

Report vini degustati

98

Collezione Privata Cosimo Varvaglione Primitivo Old Vines 2017

Varvaglione 1921
15-07-2020
97

Papale Primitivo di Manduria Linea Oro 2017

Varvaglione 1921
15-07-2020
96

Collezione Privata Cosimo Varvaglione Negroamaro Old Vines 2017

Varvaglione 1921
15-07-2020
94

12 e mezzo Malvasia del Salento 2019

Varvaglione 1921
15-07-2020
94

Idea Rosa del Primitivo 2019

Varvaglione 1921
15-07-2020
95

Chicca Dolce Naturale 2019

Varvaglione 1921
16-06-2020
93

Schiaccianoci Negroamaro 2017

Varvaglione 1921
16-06-2020
93

Tatu Primtivo Salento Igp 2017

Varvaglione 1921
16-06-2020
92

Marfi Bianco 2019

Varvaglione 1921
16-06-2020
93

Primadonna Chardonnay Puglia Igp 2019

Varvaglione 1921
16-06-2020
91

12 e mezzo Rosato del Salento 2019

Varvaglione 1921
16-06-2020
88

Margrande Fiano del Salento 2018

Varvaglione 1921
05-07-2019
90

12 e mezzo Negroamaro del Salento 2017

Varvaglione 1921
05-07-2019
90

Primitivo Passione 2017

Varvaglione 1921
05-07-2019
91

12 e mezzo Malvasia Nera 2017

Varvaglione 1921
05-07-2019
92

Moi Primitivo di Manduria 2017

Varvaglione 1921
05-07-2019
90

Papale 2017

Varvaglione 1921
05-07-2019
93

Salice 2017

Varvaglione 1921
05-07-2019
94

12 e mezzo Primitivo del Salento 2017

Varvaglione 1921
22-05-2018
89

Chardonnay Marfi 2016

Varvaglione 1921
27-06-2017
90

12 e mezzo Primitivo Puglia 2016

Varvaglione 1921
27-06-2017
89

12 e mezzo Bianco 2016

Varvaglione 1921
27-06-2017
90

Collezione Privata Cosimo Varvagline 2014

Varvaglione 1921
27-06-2017
93

1921 Riserva Primitivo di Manduria 2011

Varvaglione 1921
22-12-2015
88

Margrande 2014

Varvaglione 1921
08-06-2015
92

Primitivo Di Manduria Il Cardinale Linea Oro 2013

Varvaglione 1921
08-06-2015
87

Verdeca Moi 2013

Varvaglione 1921
16-06-2014
90

Puglia Rosso Papale 2012

Varvaglione 1921
16-06-2014
88

Moi Rosato 2012

Varvaglione 1921
17-07-2013
82

Moi Negroamaro del Salento 2008

Varvaglione 1921
08-06-2011
83

Zinfandel Priimitivo del Salento 2008

Varvaglione 1921
08-06-2011
88

Papale Linea Oro 2008

Varvaglione 1921
08-06-2011
86

Primo Spumante Brut Falanghina sa

Varvaglione 1921
08-06-2011
83

Negroamaro Papale 2004

Varvaglione 1921
15-06-2010
87

Schiaccianoci 2008

Varvaglione 1921
16-06-2009
81

Schiaccianoci Riserva 2002

Varvaglione 1921
27-07-2006
79

Sauvignon Marfi 2005

Varvaglione 1921
27-07-2006
75

Puglia Rosso 2002

Varvaglione 1921
14-07-2004
icona Telefono
0995315370
icona Fax
0995315739
icona eMail
info@varvaglione.com
icona Web
www.varvaglione.com
icona

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2021

Frutto di spettacolare tenore nei vini di Varvaglione 1921. La morbidezza del Marfi Bianco 2019, quella ancor più densa del Primadonna Chardonnay Puglia Igp 2019, il binomio fragranza-suadenza del 12 e mezzo Malvasia del Salento 2019, son valori analitici rari il cui effetto è una performance sensoriale di assoluta piacevolezza. E che mora dolcissima dona speziata il Chicca Dolce Naturale 2019, passito di suadenza fenomenale. Che ciliegia turgida e mai tannicamente aggressiva quella rosata dell'Idea Rosa del Primitivo 2019. Non solo di concentrazione maestosa i rossi, ma anche di souplesse morbido-tannica e di nitore enologico esecutivo esemplare nel caso del Collezione Privata Cosimo Varvaglione Negroamaro Old Vines 2017 e del Papale Primitivo di Manduria Linea Oro 2017, fuoriclasse dal perfetto binomio potenza-avvolgenza di sapore. Fra i migliori rossi italiani in assoluto il Collezione Privata Cosimo Varvaglione Primitivo Old Vines 2017. Ai suoi pastosi, assoluti livelli di fittezza la percezione della sua sferica morbidezza palatale è piacere speziato e balsamico di limpidissimo turgore. Una composta di mora con dolcezze del rovere speziato di inossidato nitore. Chapeau.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2020

Di eccezionale integrità olfattiva l'uva e il fiore della Malvasia del Salento 12 e mezzo 2018: un vertice di profumo che è frutto di didattica enologia trasformativa. Limpidezza e fragranza che i ciliegiosi Idea Rosa del Primitivo 2018 e Rosato del Salento 12 e mezzo 2018, replicano con morbida suadenza e con densa fittezza estrattiva. Ma i risultati più virtuosi il bicchiere Varvaglione 1921 li pone in luce con i suoi rossi, tutti di maestosità e potenza mirabile. La rotonda potenza speziato-balsamica del Collezione Privata Cosimo Varvaglione Negroamaro Old Vines 2015, il turgore polpante e netto della Malvasia Nera 12 e mezzo 2017, la potenza cremosa e suadente del Moi Primitivo di Manduria 2017 e dello Schiaccianoci Negroamaro 2016. Il migliore è il Salice 2017: fra i più performanti in assoluto della tipologia, la sua ciliegia nera, la sua mora in confettura speziata svela il nitore e l'equilibrio del gran vino. Complimenti.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2019

Son veramente perle olfattive della più pura e floreale fruttosità dell'uva, i vini che al profumo s'irradiano con l'inossidata purezza della Malvasia del Salento 12 e mezzo 2017 di Varvaglione 1921. Rarissimi e assolutamente distintivi. Una limpidezza nella trasformazione enologica che il Marfi Bianco 2017, il morbidissimo Rosato del Salento 12 e mezzo 2017 confermano e rivelano di non casuale nitore. Rossi dal binomio consistenza-morbidezza d'assoluto tenore, con il Collezione Privata Cosimo Varvaglione Negroamaro Old Vines 2014 di massima concentrazione, il Collezione Privata Cosimo Varvaglione Primitivo Old Vines 2015 di balsamico vigore, l'ancor più morbido Primitivo del Salento 12 e mezzo 2017 di violastro turgore. Il migliore è tali fra i rossi italiani testati quest'anno: il Papale Primitivo di Manduria Linea Oro 2016, essenza maestosa in spessore, di grande rotondità palatale e di netto, speziato olfattivo bagliore. Chapeau.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2018

Eccellente il pregio del bicchiere Varvaglione Vigne & Vini. Gran vini in gran serie, con la Malvasia del Salento 12 e mezzo 2016 che tra i bianchi in piacevolezza sfolgora per la sua morbidissima polpa di frutto, d'uva e di fiore. Note floreali e linfatiche di ciliegia pura, che lamponeggiando percorrono l'aroma del suadentissimo Rosato del Salento 12 e mezzo 2016. Rossi sempre pastosi in fittezza e in morbidezza avvolgenti. I più impressivi il Salice 2015, il Papale 2016 e il Negroamaro del Salento 12 e mezzo 2016 con il loro frutto violastro e nero di eccezionale integrità ossidativa. Dalla meravigliosa potenza di frutto il Collezione Privata Cosimo Varvaglione Primitivo 2014 si rivela il migliore del tasting. Concentrazione spettacolare somma, gran carnosità di tannino al palato e purissima enologia trasformativa. Interminabile in persistenza la sua composta di mora. Chapeau.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2017

Media organolettica eccellente quella rivelata in assaggio dalla selezione dei vini di Varvaglione Vigne & Vini testati. Campioni che eccellono anzitutto in caratura estrattiva compositiva, denotando gli altissimi estratti delle uve native. Fittezza cui è sempre associata una mirabile purezza enologica esecutiva, un'inossidata fragranza d'aroma. Ecco l'uvosità floreale della Malvasia del Salento 12 e mezzo 2015 risaltar suadentissima e cristallina; ecco la ciliegiosità del Rosato del Salento 12 e mezzo 2015 avvolgere così felpata e limpida in aroma. Ecco la maestosa consistenza dei rossi, che sempre frutto maturo e in polposa confettura evocano ammantato da dolcezze delle spezie elevative. I migliori sono il Primitivo Passione 2015 per limpidezza e turgore, il 1921 Riserva Primitivo di Manduria 2011 per suadenza e fittezza di spessore. Su tutti il Papale Linea Oro Primitivo di Manduria 2014. Fuoriclasse che con la sua concentrazione massima e totale, con la sua perfetta rotondità gustativa, nuovamente si rivela fra i migliori rossi in assoluto d'Italia, non solo della regione. Chapeau.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2016

Un'esplosione di frutto nel bicchiere Varvaglione Vigne & Vini. Apre uno fra i bianchi dal profumo più netto, inossidato e florealmente uvoso dell'anno. Una Malvasia del Salento 12 e mezzo 2014 di clorofillosa, splendida purezza d'aroma e di suadentissima morbidezza gustativa. Un altrettanto carezzevole Primitivo del Salento 12 e mezzo 2014, un limpido Negroamaro del Salento 12 e mezzo 2014, quindi un maestoso, balsamico Primitivo Di Manduria Il Cardinale Linea Oro 2013. Seguono tre fuoriclasse di assoluta caratura internazionale. Il Primitivo Passione 2014, di purezza polposa e turgore primo eccezionale, un vino di eccezionale rotondità espressiva. Lo Schiaccianoci Negroamaro 2014, fra i migliori della varietà e del millesimo con la sua linfa d'aroma purissima che profonde un richiamo alla mora di altissima definizione (fra le esecuzioni varietali più limpide del millesimo). Fra i migliori rossi in assoluto dell'anno spicca infine il Papale Primitivo di Manduria Linea Oro 2013. Una riserva di frutto, di glicerina, di polpa e tannino di sontuoso ammontare, che mai per vizi o disequilibri manca di carezzare, di ammantare, di aderire ai nostri sensi se non con la sua maestosa possanza, in suadenza fenomenale. Chapeau.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2015

La morbidezza e la limpidezza enologica esecutiva dei vini di Varvaglione Vigne & Vini è in sentito ed apprezzato aumento. E stante la mirabile fittezza delle uve compositive, l'eccellenza si apprezza in più di un bicchiere. Complimenti vivissimi, non si perda più adesso tale inossidata e illibata purezza di frutto. Che nella Malvasia del Salento 12 e mezzo 2013 è davvero uvosa e floreale fragranza, vino di nitore e turgore d'aroma pressoché illibato. Purissimo anche il varietale della Verdeca Moi 2013, al palato avvolgente ed armoniosa. Equilibrato e polposo il Rosato del Salento 12 e mezzo 2013, pure questo terso all'olfatto. Prima di passare ai rossi, un vino merita una contemplazione, è il Chicca Dolce Naturale 2011. Un campione che col suo ammontare di polpa e di zucchero naturale dell'uva massimizza il parametro consistenza in modo sensorialmente eccezionale. Il Primitivo del Salento 12 e mezzo 2013, un gran vino col suo polposo e primo frutto. Il Puglia Rosso Papale 2012, che dona balsami di ciliegia e vaniglia con suadenza e transapernza da sogno. Il migliore in assoluto è il Primitivo Di Manduria Il Cardinale Linea Oro 2012. Qui naturalmente per fittezza, morbidezza e purezza di frutto ad esser sinesteticamente evocata è la mora. Nel suo tatto, nel suo colore, nel suo sapore, nella sua perduta dolcezza d'aroma. Chapeau.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2014

Un bianco assai denso e avvolgente e di mirabile ricchezza estrattiva si rivela la Malvasia del Salento 12 e mezzo 2012, segue un rosato, il Moi 2012 di altrettanto avvolgente morbidezza gustativa. Quindi una serie di rossi di alta caratura qualitativa che testimoniano i progressi sostanziali in suadenza e inetegrità enologica esecutiva posti in luce da Vigne & Vini - Varvaglione. Di gran nettezza ed intatto vigore ossidativo tanto lo Schiaccianoci Negroamaro 2011 quanto il Negroamaro del Salento 12 e mezzo 2011. Chiudono due grandi vini, il Primitivo del Salento 12 e mezzo 2011, col suo frutto speziato di morosità olfattiva stupendamente dolce, linfaticamente prima. Il Papale Linea Oro Primitivo di Manduria 2011, un portentoso, monumentale capolavoro della natura. Strati e strati di polpa, estratto, glicerina, composti con equilibrio gustativo sontuoso in una stupenda confettura di bacche del bosco. Un vino di suadenza di frutto balsamico pressoché inesaustiva. Che progresso, che vini, chapeau!

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2013

Migliora ove più utile giacché fruttosamente proattivo il bicchiere Vigne & Vini: in integrità, nitore e turgore espressivo. Si senta che bel varietale di uva e di fiore, limpido, privo di macchia e ossidazione alcuna propone il Verdeca Moi 2011. Ottima la polposa suadenza dello Chardonnay Marfi 2011. Fra i rossi spiccano le doti di concentrazione e di potenza balsamica speziata, in tal senso poderosi tanto il Papale Primitivo di Manduria 2010 quanto il più vivido Tatu 2008. Vino del tasting un campione che tende all'eccellenza assoluta, il Primitivo del Salento 12 e mezzo 2010: ricco e morbidissimo, il suo frutto ha la fragranza speziata e la definizione enologica del vero fuoriclasse in piacevolezza di beva. Complimenti.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2012

Anzitutto un Primadonna Chardonnay di Puglia 2010 di bella suadenza polposa, un Primo Spumante Brut Falanghina di nitore enologico esecutivo altamente qualificante. In miglioramento non solo di integrità ma anche di morbidezza espressiva il bicchiere di Vigne & Vini: che equilibrio morbido/tannico virtuoso svela al gusto il Papale Primitivo di Manduria 2008, il balsamico Moi Primitivo di Manduria 2008. Vino del tasting il Papale Linea Oro 2008. Qui si avverte la superiore caratura non solo estrattiva. Una crema di prugna e vaniglia di suadente, armoniosa, netta fragranza d'aroma. Complimenti, un vino di distintiva piacevolezza complessiva.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2011

Rossi di gran potenza speziata, dalla fitta trama tannica presenta Vigne & Vini. Puntati sul maggior turgore ascenderanno veloci sostanziali gradini. Già oggi balsamica la suadenza del Negroamaro Papale 2004 e del balsamico Zinfandel 2007. Vigore e integrità ossidativa che sfoggiano in buona forma invece tanto il Moi Rosato 2009, quanto i poderosi bianchi. Il potente Verdeca Moi 2009, il solare Chardonnay Marfi 2009. Vino del tasting lo Chardonnay Primadonna 2009: qui a colpire è la sua poderosa, rara fittezza estrattiva. Una crema di banana morbida e di polposità eccellente. Complimenti.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2010

Si noti la media organolettica complessiva: da vino-frutto. Piacevolezza diffusa su tutta la linea di Vigne & Vini allora. Bianchi di gran polpa sono lo Chardonnay Primadonna 2008, il più fragrante Chardonnay Marfi 2008. Densa e potente anche la Verdeca Moi 2008. tale di nome e di uvoso fatto il Chicca 2006, vino-dolce deliziosamante speziato. Carezze ciliegiose dal Moi Rosato 2008. E poi rossi di gran concentrazione e in più d'un caso di ottima nitidezza enologica esecutiva. Il Tatu 2008, turgido, il Primitivo di Manduria Moi 2007, intensamente speziato. Vino del tasting lo Schiaccianoci 2008, poderosa, favolosa, maestosa la sua integrità ossidativa, la sua pastosa suadenza gustativa. Complimenti.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2009

Dato il frutto di base, recuperando fragranza e vigor ossidativo, in Puglia si vola alto. Ottimo esempio in tal senso fra i bianchi la Verdeca Moi 2007: trovando la sua fragranza d'aroma anche gli Chardonnay, così fitti saranno grandi e meno sovrasolari. Ma il frutto vero è nei rossi di Vigne & Vini. Nel Tatu 2006 dal potente tannino, nello Zinfandel 2006 e nel Primitivo di Manduria Papale 2005 di gran prugnosità speziata. Nello Schiaccianoci 2006 e nel Primitivo di Manduria Moi 2005 di volume e suadenza ancora superiore. Una serie di vini di valore analitico e sensoriale sempre nitidamente, violaceemente avvertito. Chiude il Chicca 2005: vino dolce di ricchezza e concentrazione francamente fenomenale. Complimenti per i miglioramenti e per l'alto, complessivo valore.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2008

Il Chicca 2004, lo Zinfandel 2005 e il Primitivo di Manduria Moi 2004 hanno un estratto, una ricchezza compositiva che laddove aggiunta di maggiore morbidezza e turgore li vedrebbe poderosamente, ulteriormente salire. Le capacità viticole ed enologiche per rendere del frutto nativo l'originaria, inintaccata fragranza, da Vigne & Vini ci sono. Altrimenti non si spiegherebbe la favolosa pulizia, l'intonsa fragranza linfatica del morbido, denso Chardonnay Primadonna 2006: campione di suadenza e souplesse decisamente da Annuario dei Migliori. Complimenti.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2007

Si diffonde ottimamente livellata verso l'alto la qualità dei campioni di Vigne & Vini. Bianchi di qualificante valore gli Chardonnay, in particolare il Marfi 2005. Spettacolare la densità estrattiva del Chicca 2003, vino dolce di pastosa fittezza, evoluto in balsami speziati all'olfatto. Il più turgido fra i rossi lo Schiaccianoci 2005, tutti ricchissimi e maestosi, con lo Zinfandel 2004 di carnosa possanza tannica. Qui con più suadenza e fragranza olfattiva, davvero in alto si sale.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2006

Gran potenza e ricchezza nel bicchiere Vigne & Vini, estratti in aumento che si vorrebbero sentire accresciuti anche in fragranza e turgore. Vini di ricchezza quali il Primitivo di Manduria Moi 2002, il Primitivo di Manduria Papale 2003, laddove più turgidi, risalteranno durevolmente eccellenti. Di bella morbidezza il potente Chardonnay Primadonna 2004.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2005

Vigne & Vini conferma la qualità rilevante dei suoi vini, campioni certamente in consistenza. Sviluppando ancora integrità, il frutto dei suoi rossi, rivelandosi più fragrante, s'apprezzerà con ancora maggiore piacere. La freschezza qualificante la rivela il ricco Schiaccianoci 2003, per questo polposamente ottimo. Altrettanto valente il dolce Chicca 2002, qui la polpa è ancor più dolcemente, persistentemente potente.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2004

Rilevante la piacevolezza sviluppata dallo Chardonnay Primadonna 2002 Vigne & Vini: mentoso, speziato, morbido, netto enologicamente, e ben vivo. I rossi rivelano tutti consistenza super: uve ben fitte, ben mature, in vino trasformate con buona pulizia, con buon rispetto per l'originale fragranza del gusto-aroma. Che polpa, che calore il Papale Puglia Rosso 2000. Avvolgenti il Tatu e lo Zinfandel 2002. Potenziando ancora la freschezza si può salire ancora più in alto. Intanto complimenti per il trend positivo.

Commento conclusivo - Annuario migliori vini italiani 2003

Il vino più difficile da dominare con la tecnica enologica di trasformazione,il Chicca 2000 è il più pulito, naturalmente il più piacevole giacché bilanciatamente dolce. Massa estrattiva e potenza alcolica da favola. Sapori decisamente duri, nettamente sovratannici. Profumi spesso fumosi, da sviluppare in morbidezza e pulizia. La materia prima, l'uva, è super. Occorre ora rendere vini della sua congenita, nettezza e freschezza.

icona Titolare ed Enologo
Cosimo Varvaglione
icona Resp. Commerciale
Fabio Cascione e Ernesto Barbi
icona Anno avviamento aziendale
1921
icona Vini prodotti
28
icona Bottiglie prodotte
4.000.000
icona Ettari totali di proprietá
150 + 250 in affitto
icona Percentuale uve acquistate
Solo uve di proprietá
icona Vendita diretta
icona Visite all'azienda
icona Agriturismo
no

SINGOLE PORTATE

  • pasta/riso con salse di carne

OCCASIONI SPECIALI

  • occasioni importanti
  • vini da astemi

PIATTI REGIONALI

  • Puglia

GENERICI

  • carne

97

Papale Primitivo di Manduria Linea Oro 2017

Varvaglione 1921
15-07-2020
96

Papale Primitivo di Manduria Linea Oro 2016

Varvaglione 1921
22-05-2018
(95)

Papale Primitivo di Manduria Linea Oro 2015

Varvaglione 1921
27-06-2017
98

Papale Primitivo di Manduria Linea Oro 2014

Varvaglione 1921
13-09-2016
98

Papale Primitivo di Manduria Linea Oro 2013

Varvaglione 1921
05-06-2015
86

Papale Primitivo di Manduria Linea Oro 2011

Varvaglione 1921
17-07-2013
86

Papale Primitivo di Manduria Linea Oro 2010

Varvaglione 1921
19-06-2012
85

Papale Primitivo di Manduria Linea Oro 2008

Varvaglione 1921
08-06-2011
83

Papale Primitivo di Manduria Linea Oro 2007

Varvaglione 1921
16-06-2009
86

Papale Primitivo di Manduria Linea Oro 2005

Varvaglione 1921
05-08-2008
82

Papale Primitivo di Manduria Linea Oro 2004

Varvaglione 1921
27-07-2006
81

Papale Primitivo di Manduria Linea Oro 2003

Varvaglione 1921
08-07-2005
79

Papale Primitivo di Manduria Linea Oro 2002

Varvaglione 1921
14-07-2004
78

Papale Primitivo di Manduria Linea Oro 2001

Varvaglione 1921
30-06-2003
77

Papale Primitivo di Manduria Linea Oro 2001

Varvaglione 1921
27-06-2002
77

Papale Primitivo di Manduria Linea Oro 2000

Varvaglione 1921
27-06-2002